LO Calc: un caleidoscopio digitale

Il caleidoscopio: un vecchissimo giocattolo che si trasforma, grazie all’architetto Borghini, in un modello per LO Calc utile e didattico, che fa da promemoria per i codici RGB dei colori e mostra come inserire e attivare le macro nei fogli elettronici.

Naturalmente si tratta di una macro del tutto innocua, per cui puoi scaricare tranquillamente il file e usarlo senza problemi. Tutt’al più, Calc ti avviserà della sua presenza e ti chiederà se vuoi attivarla, nel qual caso basta rispondere sì perché tutto funzioni correttamente.

Cos’è un caleidoscopio?

In pratica, è (o forse dovrei dire era, visto che non so se ne esistono ancora) un tubo di legno o cartone, chiuso alle estremità con due dischi di materiale trasparente, che conteneva dei pezzetti di vetro di vari colori. Guardando attraverso una estremità mentre si faceva ruotare il tubo, i vetri all’interno si spostavano creando figure colorate sempre diverse.

Ecco la versione digitale

caleidoscopio digitale

Il caleidoscopio dell’arch. Borghini

Il file è davvero molto semplice: oltre alla solita pagina di info c’è Caleidos, una tabella di 30 righe per 10 colonne formata da celle colorate. Ciascuna contiene un codice colore nel formato R-G-B, e ha lo sfondo della tinta corrispondente.

Sotto c’è un pulsante con scritto Start. Ogni volta che lo premi i colori nelle celle cambiano secondo una sequenza casuale, che ricorda appunto il famoso caleidoscopio di cui parlavamo.

Un utile promemoria

I codici riportati in ciascuna cella servono a descrivere il colore secondo il formato RGB, come ho già detto. Puoi quindi usare questo foglio come promemoria in tutti quei casi in cui vuoi assegnare a un qualsiasi elemento grafico un ben preciso colore ma non ne conosci il codice. Non solo: osservando la tabella con monitor diversi, puoi anche verificare se esistono differenze di colore tra uno e l’altro.

Un esempio di macro

E dato che a permettere il funzionamento di caleidos è una macro (non ci sono formule!) puoi studiarlo per imparare come scrivere, organizzare e collegare a una casella di testo (o a qualsiasi altro elemento) le macro che scriverai in futuro.

Quindi forza: scarica il file dal riquadro qui sotto: non costa nulla. E se hai qualche domanda, o qualche commento, scrivimi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.